PASSWORD RESET

Colli Fioriti


Palazzo Broletto

Palazzo Broletto

Palazzo Broletto di Como

Partendo dal Camping ai Colli Fioriti, dopo un’immersione totale nella natura e percorrendo la SS. 340, che costeggia il Lago di Como, ci regaliamo un viaggio immersi in un “paradiso di sereno riposo” , definizione usata dallo scrittore statunitense Mark Twain nel suo libro “Innocenti all’estero” per descrivere le bellezze naturali del lago. Attraversando questi posti meravigliosi, che rendono il viaggio esso stesso un’emozione continua, raggiungiamo Como.

Iniziamo così il nostro viaggio nella storia.
Avvicinandoci al centro storico, attraversando Via Plinio, che ci riporta nell’antica storia romana comasca alle figure di Plino il Vecchio e Plinio il Giovane, ci ritroviamo a Piazza Duomo.
Nella sua storia medievale essa rappresentava la concentrazione tra il potere politico e religioso, che dettero origine alla Cattedrale e al palazzo municipale “palazzo Broletto”, costruite correlate l’una all’altro.

Palazzo Broletto è l’antico palazzo comunale costruito nel 1215 dall’allora podestà Bonardo da Cadazzo, che lo volle accanto alla Cattedrale come espressione del nuovo potere comunale che, sviluppandosi sempre più sul territorio diocesano, limitava l’autorità civile del vescovo. Il nome, derivante dal termine latino “brolo” che significa spazio aperto, ci racconta il perchè della nascita del Palazzo, simbolo delle riunioni e assemblee cittadine e luogo in cui si amministrava la giustizia.

Nel tempo, i cambiamenti politici, religiosi e sociali ne hanno modificato la sua funzione. Infatti nella seconda parte del ‘400 durante il rifacimento della Cattedrale una buona parte del Palazzo Broletto fu demolita per dar maggior spazio a quest’ultima, tanto che l’antica torre civica fu trasformata nell’attuale campanile della cattedrale. Successivamente fu trasformato prima in un teatro e poi in un archivio notarile.

Le sue caratteristiche architettoniche sono tipiche dei palazzi comunali medievali sparsi su tutto il territorio italiano. Il suo stile gotico romanico, a pianta rettangolare, è caratterizzato da due facciate abbellite da un elegante paramento murario in fasce marmoree perfettamente squadrate nei colori grigi e bianchi, alternati in modo irregolari ad altri di color rosso pallido, provenienti dalle cave Lariane.
Al piano terra ci accoglie un ampio porticato mentre al piano superiore, illuminato da tre grandi finestre, un unico ambiente adibito a sala conferenze o espositiva, arricchito da un balcone che permette una vista magnifica sulla piazza principale.

E dopo averlo visitato cosa c’è di meglio che riposarsi seduti all’ombra del porticato mentre un raggio di sole illumina la piazza, aiutando la mente a viaggi immaginari in epoche lontane, sognando amori romantici, antichi mestieri, uomini e donne di altri tempi che hanno abitato questi luoghi.
E dopo il riposo è ora di tornare al nostro camping ai colli fioriti dove ci aspetta un rilassante e meritato riposo nella natura dopo questo intenso viaggio nella storia.

sitemap11
sitemap33
sitemap49
sitemap38
sitemap9
sitemap25
sitemap56
sitemap2
sitemap34
sitemap12